Sogni e cassetti

da Mind the Gap (2014/15)

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Una madre tiene suo figlio tra le braccia e gli racconta la storia di un uomo coraggioso. Il bambino ascolta sognante.

Una volta un uomo, passeggiando solo
ebbe una visione: un mondo di gioia e colore.
E presto capì bene che dipingendo insieme
quella sua astrazione poteva irradiare calore.

E chiese… ma molti fecero no con il dito
“lascia perdere, ché proprio non si può”
perciò lui voltò lo sguardo stupito da lì.
Un altro disse “sì, ma ci hanno provato in tanti per poi arrendersi…”
così lui non ascoltò e sulla sua via proseguì.

Setacciando a fondo, scandagliando il mondo
trovò un uomo in pena che aveva lo stesso problema.
E da due divennero cento
poi persero il conto dell’immenso coro
…quanti sognatori al lavoro!

È d’oro ogni tuo sogno
e no, se diranno “lascia perdere, ché proprio non si può”
tu non crederci e vola lontano da lì.
E se sentirai “sì, ma fai come tutti gli altri…”
tu non ascoltare mai chi è chiuso in un cassetto
con tutti i suoi sogni fuori.