Odi et amo

da Mind the Gap (2014/15)



Una coppia sta litigando silenziosamente con gli sguardi, data l’impossibilità di avere una discussione accesa in mezzo ad altre persone. Lui la bacia cercando di far rientrare la situazione, ma è una finta riappacificazione.

La mia immagine si sta sgranando al rallentatore
sfigurata in milioni di pixel da lacrime.
Nei tuoi occhi epigrammi catulliani
ma la realtà delle cose
rifiuta da sempre gli ossimori.

E possiamo rimanere seduti a parlare del tempo
poi rinfacciare tanto che
il mio/tuo volto diventi il tuo/mio
o ingannare le distanze allungandoci
tra le labbra un milione di miglia
si ridurrà a millimetri.