L’anniversario

da Mind the Gap (2014/15)


Una donna guarda nel vuoto con gli occhi semilucidi, le cuffiette bianche nelle orecchie e la mente indelebilmente rivolta a un ‘oggi’ che fu felice in passato.

Cercata invano una profondità atemporale
in ogni scatto che la memoria
ha conservato sotto sale
può cominciare

la processione bagnata dei segni.
E il fato mi vede ancora in fila e credente
con dentro la mia bocca un sapore
che ormai non sa più di niente.

Io celebro l’anniversario.
A ottobre il cielo è sempre gravido
di un temporale.

Il velo di ogni autunno fuggito non si è levato
di fronte al respiro affannato
dei corpi che han scaldato il mio letto.
E nell’eyeliner sfuocato

io celebro l’anniversario.
Se l’odio cela il suo contrario
quanto fa male non saper più scordare?