Rivoli di gioia trovano il loro mare

Qualche novità… la scaletta di “Sinestesie” e, soprattutto, il primo singolo “L’ovest dentro l’est” con le sue due b-sides.

L’ovest dentro l’est” è una canzone per me molto significativa ed è stata scritta a Londra nell’estate del 2007, ispirata da una straordinaria persona che mi ha incredibilmente affascinato… ma che mi era tanto speculare quanto irraggiungibile, come una retta a me parallela. “Zoom out” e “Kalinichta” sono due canzoni rimaste nel cassetto per tanto tempo: la prima scritta a inizio 2006 basandomi sulla rilettura di miei vecchi pensieri risalenti ad anni prima, la seconda abbozzata come ninna nanna alla chitarra a Shanghai nell’estate 2005. Entrambe sono state totalmente riarrangiate al piano a Londra nell’estate 2006 ed erano tra le potenziali canzoni di “Scatola nera” – anche se poi sono rimaste fuori dalla scaletta finale. In quest’ultimo anno si sono state ulteriormente evolute e perfezionate, e sono soddisfatto della loro veste finale.

Spero che questo assaggio dell’album sia di vostro gradimento… buon ascolto (in cuffia se possibile)!